Ossigeno attivo per piscine, l'alternativa al cloro

La tecnologia di disinfettati per piscine si è evoluta negli anni al punto che è possibile utilizzare delle valide alternative al cloro per piscine.
Ossigeno attivo per piscine, l'alternativa al cloro
1217

La tecnologia di disinfettati per piscine si è evoluta negli anni al punto che è possibile utilizzare delle valide alternative al cloro per piscine.

Perchè disinfettare la piscina

Buttarsi in piscina, nelle giornate più calde, è sicuramente un piacere indescrivibile. Tuffarsi nelle acque limpide e rinfrescanti rende migliore qualsiasi giornata e rinfranca lo spirito. Bisogna però essere consapevoli che l'acqua delle piscine presenta molte insidie, spesso invisibili. Se problemi evidenti come lo sporco, oppure la proliferazione di alghe, sono immediatamente individuabili, un'acqua infetta o con alta carica batterica può essere un pericolo invisibile per i bagnanti. Uno degli elementi necessari alla vita dei batteri è l'acqua, quindi fondamentalmente una piscina è una perfetta "culla" per agenti batteriologici, che possono essere pericolosi per l'organismo umano creando diversi fastidi più o meno gravi per la salute.

Disinfettare l'acqua della piscina quindi è un'aspetto fondamentale della sua manutenzione e il cloro per piscine è il metodo attualmente più utilizzato, ma non più l'unico disponibile: oggi è possibile usare il trattamento con ossigeno attivo per la disinfezione della piscina!

cloro e ossigeno attivo, le differenze e i punti di forza

Molti si chiederanno come mai, se da sempre si utilizza il cloro come disinfettante per piscine, si è sviluppato un trattamento all'ossigeno attivo per piscine. Ebbene, la risposta è più complessa di quanto si pensi, in quanto il cloro per piscine ha ancora i suoi vantaggi rispetto al più moderno trattamento acqua con ossigeno attivo. Il motivo per cui ancora oggi si può scegliere il cloro come disinfettante per piscine è sicuramente il prezzo, in quanto il cloro dal punto di vista economico è meno impegnativo. Solitamente infatti a parità di potere disinfettante il cloro ci permetterà di risparmiare qualche euro rispetto al disinfettate con ossigeno attivo. Oltre a questo, l'acqua con cloro rimane più stabile e più a lungo, con meno possibilità che si creino le alghe in piscina rispetto all'ossigeno (che richiede un controllo più costante dei valori dell'acqua).

D'altro canto, l'ossigeno ha un vantaggio eccezionale sulla salute, in quanto non essendoci cloro nell'acqua questa non irriterà occhi e mucose, con grande vantaggio sul benessere dei bagnanti. L'assenza di cloro, inoltre, rende impossibile la creazione di clorammine, che possono essere davvero fastidiose per la salute. Per finire, l'ossigeno attivo non è suscettibile al calore, permettendo di disinfettare al meglio anche piscine riscaldate e vasche idromassaggio.

come funziona l'ossigeno attivo e come si usa

Il funzionamento dell'ossigeno attivo è molto semplice, in quanto la sua presenza nella piscina ossida e disinfetta l'acqua. Il suo uso è simile al procedimento utilizzato per il cloro, con un periodo di mantenimento e un periodo di "clorazione shock" che possiamo chiamare ossigeno shock. L'ossigeno richiede sicuramente qulche accortezza maggiore, ma non è necessario stravolgere le proprie abitudini, in quanto i prodotti per trattamento acqua con ossigeno attivo per piscine sono realizzati con in mente la facilità d'utilizzo e l'efficacia nel disinfettare l'acqua della piscina.

Articoli correlati