Come pulire la canna fumaria

Pulire la canna fumaria non sarà difficilissimo, vi basterà seguire questa piccola guida armandovi di un po’ di pazienza.
Come pulire la canna fumaria
521

“Cam caminì, cam caminì, spazzacamin” così aveva inizio la nota canzone di Mary Poppins, pulire la canna fumaria sarà semplice come fischiettare quel motivetto, vi basterà seguire questa piccola guida armandovi di un po’ di pazienza.

Alcuni accertamenti e consigli prima di iniziare la pulizia

1) È consigliabile controllare spesso se la canna fumaria abbia bisogno o meno di un’accurata pulizia per intervenire prima che lo sporco si incrosti. Per fare ciò procuratevi una torcia e con una matita cercate di rimuovere la fuliggine che si è insediata sui lati della canna fumaria e illuminate la piccola parte che avete raccolto, se questa risulta pari o superiore ai 3 millimetri allora la canna fumaria andrà pulita, in caso contrario potrete rimandare il lavoro. Non esiste una vera regola che preveda ogni quanto pulire la canna fumaria, ma si consiglia di intervenire se il camino viene utilizzato spesso.

2) Dovrete verificare la presenza di animali, perché può capitare che merli, pipistrelli o scoiattoli usufruiscano del camino come nido e tana. Nel caso abbiate incontri con questi pelosi o piumati ospiti dovrete occuparvi della loro evacuazione per la vostra e la loro sicurezza, liberandoli nell’area verde più vicina, magari provvista di un riparo. Non dovete preoccuparvi, sono animali timidi, spesso scappano al primo rumore. Potete provare anche ad aprire una finestra per permettere loro di uscire, ma se questo non bastasse potete provare a prenderli in mano e procedere alla loro liberazione.

3) Misurare la dimensione della canna fumaria è un ottimo punto di partenza per una buona pulizia, è necessario conoscere il volume dell’intera struttura, ad esempio, per procurarvi i giusti attrezzi. Avere il materiale giusto a disposizione vi alleggerirà il lavoro, vi eviterà inutili fatiche e perdite di tempo.

Adesso vediamo insieme quali sono gli attrezzi che non devono mancare nel caso sia necessaria un’accurata manutenzione.

Pulire canna fumaria

Attrezzi per pulire canne fumarie

Avrete bisogno di vari attrezzi se avete intenzione di curare il vostro camino autonomamente e sono i seguenti:

- Un telo: per proteggere l’arredamento della casa

- Mascherina protettiva e occhiali: indispensabili per evitare che l’organismo assorba particelle tossiche

- Una spazzola per la canna fumaria

- Tubi flessibili ed estensibili: per pulire tutta la lunghezza della canna fumaria

- Scopa e paletta: per rimuovere lo sporco cascato sul pavimento.



Pulire la canna fumaria del camino dal basso

Per coloro che non hanno dimestichezza con la pulizia del camino si consiglia di partire dal basso, senza dover salire sul tetto dell’abitazione.

Prima di iniziare, se non lo avete ancora fatto, coprite l’arredamento con il telo e indossate abiti vecchi, o comunque abiti di cui vi importi meno, perché mentre pulire il camino vi sporcherà molto. Ricordate Mary Poppins?

Indossati poi occhiali e mascherina potrete procedere alla pulizia del vostro camino.

Per fare ciò dovrete attaccare la spazzola a una parte del tubo, inserire la spazzola all’interno del caminetto e spingerla dall’alto verso il basso con energia costante. Aggiungendo le altre sezioni di tubo potrete ricoprire l’intera lunghezza della canna fumaria. Continuate così finché questa non sarà completamente pulita. Appena avrete concluso la pulizia potrete procedere agli ultimi ritocchi, la pulizia della base, con la scopa e la paletta. Se siete provvisti di un aspiratore professionale utilizzatelo, vi sarà utile per una maggiore pulizia.

Una volta completato il tutto ricordatevi di lavarvi, ma soprattutto prestate attenzione al viso, pulendolo accuratamente per evitare di respirare la fuliggine che potrebbero essersi depositata sulla pelle.   


Avvertenza: l’illuvie che avete raccolto a pulizia ultimata dovrà essere smaltita secondo le norme comunali dal momento che si trattano di sostanze infiammabili e quindi non possono essere gettate insieme ai  rifiuti comuni.

Queste sono le basi per un’efficace pulizia del camino ma se non credete di essere in grado di pulirlo autonomamente potrete rivolgervi a un professionista.

Per approfondimenti sulla cura del vostro camino vi consigliamo la lettura dei seguenti articoli:

- Canna fumaria camino normativa

- Come migliorare tiraggio camino

Articoli correlati